1_IMG_2173.JPG 1_IMG_2162.JPG 1_IMG_2175.JPG DSC_5682.JPG 100_1987.JPG 100_1988.JPG 531282_305543819541953_1067235649_n.jpg 100_1997.JPG IMG_2121.JPG 007.JPG DSC_4809.JPG DSC_6375.JPG 542642_245142452248757_372748293_n.jpg IMG_2062.JPG IMG_2065.JPG IMG_2070.JPG

L'Arce Sannita

Stampa
Email

   Tra il Monte Acero e il monte Monaco di Gioia si trovano i resti di una fortificazione sannita, probabilmente del IV secolo a. C., realizzata in mura poligonali o megalitiche. La cinta muraria, lunga circa 3 km., è interrotta da due accessi, due porte, di cui una è rivolta verso Telese, che consentivano l'ingresso all'interno dell'arce. Sicuramente queste fortificazioni appartenevano a un più ampio e complesso sistema di difesa che i Sanniti estesero a tutto il territorio appenninico.

   Probabilmente le mura dei Sanniti racchiudevano veri e propri centri abitati di complessa organizzazione. I Sanniti costruivano le difese dei loro insediamenti di altura mediante terrazzamenti o gradoni posti lungo le pendici di un colle in posizione strategica rispetto ai percorsi ed ai valichi montani. Il criterio costruttivo delle fortificazioni dei Sanniti, delle mura poligonali o ciclopiche, era basato su conci variamente sagomati e assemblati a secco. La tecnica, considerata a lungo primitiva, ha rivelato una grande resistenza alle azioni belliche e soprattutto ai fenomeni sismici.